Se qualcuno vuol venire dietro a me

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

La Parola, che la Chiesa ci propone oggi dal vangelo secondo Marco, è senz’altro una delle parole forti di Gesù, una parola dura per la nostra debole fede.

È una parola con la quale Gesù stesso interpella ciascuno di noi: “Tu chi dici che Io sia?”. Ecco il cuore: chi è per me Gesù?

Lui oggi vuole davvero entrare in un dialogo personale con ciascuno di noi e lascia campo libero alla nostra risposta, ascolta con infinita tenerezza i nostri balbettamenti, i nostri tentativi di esprimere ciò che pensiamo di Lui… E anche se, per grazia di Dio e illuminazione dello Spirito santo, giungiamo a dare, come Pietro una “risposta esatta”“Tu sei il Cristo!”, “Tu sei colui che attendiamo e che compirà le nostre attese di salvezza”. Tuttavia Lui è sempre oltre ogni nostra capacità di comprensione. Per questo si incarica egli stesso di rivelarci il contenuto di questo suo essere. E qui inizia a crollare tutto quello che forse avevamo pensato fosse il cammino di sequela del Signore, un po’ come avevano pensato anche i discepoli. Infatti, quando Gesù parla del cammino pasquale che lo attende, subito Pietro (e qui possiamo comprenderlo benissimo, che nel suo amore per Gesù desidera sia risparmiata al Maestro la sofferenza e la morte) si ribella e si mette come un intralcio davanti a lui.

Ma Pietro e gli altri discepoli – come d’altra parte noi – in quel momento non hanno il pensiero di Dio, non comprendono il disegno d’amore di Dio. Un disegno che non bypassa la sofferenza, ma la attraversa e la include in quest’opera meravigliosa di salvezza.

I Padri antichi dicevano che “ciò che non è stato assunto, non è stato guarito” (san Gregorio di Nazianzo). Gesù, infatti, per poter guarire tutto l’uomo ha assunto tutta la natura umana, affinchè tutto di ciò che ci appartiene potesse essere risanato e salvato, anche il dolore, la sofferenza, la fatica, fino alla morte.

Così egli ha aperto anche a noi la strada per la salvezza di tutto ciò che ci appartiene. Anche noi, in Lui e con Lui, possiamo assumere ogni situazione per quanto drammatica possa essere, anche la morte, per poter sperimentare la vittoria su tutto, e questo ogni giorno:

“Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà”.

Non ci sono parole adeguate per comprendere questo invito di Gesù. Accogliendo la sua Parola nella preghiera e facendoci ogni giorno suoi discepoli, mettendoci umilmente dietro di lui, scoprendo e seguendo le sue orme impresse nella trama delle nostre giornate, forse non capiremo tutto, ma sperimenteremo una vita che si dilata e che fiorisce, nella misura in cui, insieme a Lui, a poco a poco riusciremo a donarla.

Foto di marinas32 da Pixabay

iscriviti alla nostra newsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre attività

Altri articoli online che potrebbero interessarti

In evidenza

Giornata missionaria mondiale 2021

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE 2021 «Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato» (At 4,20) Cari fratelli e sorelle,

La Parola della Domenica

Come diamanti

24 ottobre 2021 XXX domenica del Tempo Ordinario anno b «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!» (Mc 10, 47). Qualcosa di specialmente importante