Una nuova tappa

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Perugia, 17 aprile 2021

Amici carissimi, 

questa settimana, al posto del consueto appuntamento con la Parola di Dio, vi raggiungiamo con queste poche parole, con le quali condividiamo con voi una tappa importante del nostro cammino di comunità. Da lunedì 19 aprile fino a giovedì 22 saremo impegnate nella Visita canonica. Il P. Provinciale e la Madre Presidente ci aiuteranno a rileggere il cammino fatto in questi tre anni e a discernere i passi futuri. La “visita” esprime la cura della Chiesa, attenta alla vita dei suoi figli, pronta a soccorrere nelle necessità, a correggere, a incoraggiare. E’ una pratica molto antica, la troviamo già nelle lettere di San Paolo, dove l’Apostolo si reca nelle diverse Chiese per visitarle, portando la Parola di Dio e declinandola nella concretezza della vita. 

Questa visita riveste, però, un carattere di novità: è la prima volta, infatti, che è disgiunta dal Capitolo elettivo (che sarà a maggio) ed è fatta sia dal Provinciale sia dalla Madre Presidente. Il cambiamento è frutto del Documento “Cor Orans”, del 2018, nel quale la Chiesa ha rivisto e aggiornato normative relative alla nostra forma di vita. 

E’ un tempo forte di fraternità, di ascolto, di verifica, un’esperienza dello Spirito Santo, che suscita sempre nuova vita.

Vi chiediamo di accompagnarci con la vostra preghiera e la vostra amicizia. 

Le vostre sorelle clarisse.

 

iscriviti alla nostra newsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre attività

Altri articoli online che potrebbero interessarti

In evidenza

Antiquum Ministerium

Il giorno 11 maggio 2021 Papa Francesco ha pubblicato il Motu proprio Antiquum Ministerium, nel quale mette a fuoco la figura del catechista, tanto importante

La Parola della Domenica

Con il cuore nel Cielo

16 maggio 2021 – Solennità dell’Ascensione I cristiani sono nella carne, ma non vivono secondo la carne. Passano la loro vita sulla terra, ma sono cittadini