La difficile risposta

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

XXVI Domenica Tempo Ordinario anno A

La versione CEI del 2008, rispetto alla precedente, segue i codici più importanti e i padri della Chiesa, e ci presenta così invertito l’ordine delle risposte dei due figli: prima viene il figlio che dice di no e poi si pente; dopo viene quello che dice di sì ma poi non obbedisce, così che il figlio obbediente è il primo e non il secondo.

La versione del 1978 seguiva il codice Vaticano, influenzato dall’identificazione dei due figli con Israele – il primo – e i pagani – gli ultimi ma i veri obbedienti. Sembra però che l’intento di Gesù non sia questo, egli si riferisce piuttosto a una distinzione all’interno dello stesso popolo ebraico, di chi lo ascolta e, in ultima analisi, descrive un percorso interiore che appartiene a ciascuno di noi.

Siamo al cap. 21, in prossimità della Pasqua, Gesù è all’ultima tappa del suo cammino; entrato a Gerusalemme e accolto dalla folla osannante, si reca al tempio e scaccia i venditori, suscitando la reazione dei capi dei sacerdoti e degli anziani che pongono la questione sulla sua autorità. Qui Matteo inserisce la parabola dei due figli (assente in Mc e Lc), la prima delle tre parabole “familiari” (la seconda è quella dei vignaioli omicidi e la terza è il banchetto delle nozze del figlio del re). In questa trilogia emerge la centralità di Dio e il ruolo positivo e negativo dei diversi personaggi.

Con la domanda iniziale Gesù interpella e coinvolge l’uditorio sin dall’inizio. Non è un semplice racconto; richiede a coloro che ascoltano di prendere posizione, smascherando così non tanto il loro atteggiamento esteriore, quanto soprattutto quello interiore che li aveva portati a non rispondere durante la discussione sulla sua autorità.

Il padre si rivolge a entrambi con l’appellativo affettuoso figlio. Il primo risponde con un rifiuto, al quale il padre non reagisce; il secondo (è insignificante se il primo sia il maggiore e il secondo il minore) risponde in modo enfatico, letteralmente dice “Io, signore”, espressione che dice disponibilità, prontezza nell’eseguire, ma in realtà a tale risposta non corrisponderà la realtà, in quanto proprio lui non andrà nella vigna. È anche da sottolineare il fatto che usa l’appellativo signore, e non padre.

In questa parte è messa in luce l’iniziativa di Dio che chiama l’uomo rivolgendosi a lui come a un figlio, e la risposta dell’uomo, la cui prima reazione non è definitiva, essa può cambiare, può aprirsi alla disponibilità, così come anche può chiudersi. In questo caso la parabola diventa un monito, un avvertimento: la salvezza offerta attende la nostra risposta.

Ma Matteo ci dice anche che nessuno – nè il primo nè il secondo figlio – è capace di un’obbedienza pronta alla volontà del Padre. Ciò che rende possibile l’obbedienza è il pentimento, che riveste qui un ruolo fondamentale. Il verbo pentirsi utilizzato da Matteo si riscontra in pochi passi: qui, in Mt 27,3 (quando Giuda vede che Gesù è condannato, prova rimorso, si pente), 2 Cor 7,8 e Ebr 7,21; come aggettivo lo troviamo in Rom 11,29 e 2 Cor 7,10. È diverso da convertirsi, che indica un cambiamento di idee in generale riguardo a una certa situazione, a un peccato in particolare, cambiamento di opinione. Il nostro verbo, invece, è in relazione con melein che significa mi sta a cuore, ho interesse, ed esprime cambiamento del sentimento, sentire rincrescimento. Mentre Dio non cambia, non si pente, non viene meno alla sua parola (Rm li,29), l’uomo ha bisogno di attraversare il pentimento per aprirsi a Dio che è Padre, per accogliere la sua misericordia. L’obbedienza che il Signore qui presenta è caratterizzata da una profonda unità tra gli atteggiamenti interiori ed esteriori, possibile solo quando è il cuore a muoversi, a coinvolgersi, attraverso il pentimento di chi riconosce di non essere capace di giustizia. Il giusto, allora, non è colui che si fa forte di un’osservanza, ma chi è capace di mettersi in cammino uscendo, compiendo un esodo dalle proprie sicurezze e comodità, dal proprio sentire, per aderire a Dio, per fare la sua volontà il cui cuore è credere nel Figlio.

È il passaggio pasquale di chi, immerso con Cristo nel battesimo e cioè nella volontà del Padre, si lascia rinnovare da questa grazia che continuamente lo rende nuova creatura, lo rende figlio.

iscriviti alla nostra newsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre attività

Altri articoli online che potrebbero interessarti

Il Pane della Parola

Esempio e specchio

XXX Domenica del Tempo Ordinario anno A Nella XXX domenica del Tempo ordinario abbiamo, nella seconda lettura, la continuazione della Lettera ai Tessalonicesi, iniziata la

Photo by Jeremy Bishop on Unsplash
Il Pane della Parola

Radicati nella fede

XXIX Domenica del Tempo Ordinario anno A La liturgia della XXIX domenica del tempo ordinario dell’anno A ci introduce alla lettura della Prima Lettera ai