BENEDIZIONE

Chiara come Madre ha ricolmato di benedizioni le sorelle, i frati e molte persone che accorrevano a lei per qualsiasi necessità.

E’ l’ora solenne in cui Chiara, che ha vissuto la radicale povertà evangelica, si prepara all’ultima consegna: quella della sua vita. Una consegna che è una restituzione, un affidamento nelle mani amorose del Padre, che l’ha custodita con tenerezza lungo tutta la sua esistenza. In quest’ora Chiara fa un ultimo dono alle sue figlie e sorelle: il dono della benedizione materna, nella quale Chiara trasmette ciò che più le sta a cure. A coronamento del suo Testamento, eleva una grande invocazione alla Vergine, agli angeli, ai santi e alle sante perché intercedano presso il Padre il dono della sua benedizione.

La forza vivificante della benedizione di Chiara raggiunge le sorelle presenti e future, ma non si limita solo alle sorelle, si apre per coinvolgere tutti quelli che le stanno accanto, che la invocano, che la ricercano.

Tale benedizione non cessa di estendersi nello spazio e nel tempo e con il potere dello Spirito che opera in lei, apre il fluire di una benedizione che può arrivare ad agire in ciascuno di noi, capace di sollevare il peso di ogni nostra fatica e tribolazione. È una preghiera bellissima, da leggere e rileggere con attenzione, le cui parole vanno interiorizzate perché dense, ricche di una grande  spirituale.

Scenda anche su di te, che la leggi ora, e diventi tua compagna nel cammino della vita.

Il Signore sia sempre con te e faccia che tu sia sempre con Lui.

Testo della Benedizione

0