Novena dell’Immacolata 2021 – III giorno

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Testi liberamente tratti da:
Anna Maria Canopi, 
Maria, donna della bellezza interiore, Ed. Paoline 2009

Vergine orante

Maria è la piena di grazia, il tempio dello Spirito santo, la stabile dimora del Verbo, e in quanto tale è, sostanzialmente, preghiera.

Nel suo cuore verginale, indiviso, il puro e intenso desiderio di Dio è preghiera che lo Spirito compie in lei con gemiti inesprimibili. E questa è già, in germe, la preghiera della Chiesa.

Quale risonanza possono aver avuto nell’animo di quella piccola figlia di Sion i salmi di Israele?

Ella conosceva soltanto il sapore delle semplici e consuete cose della vita quotidiana, le sue azioni domestiche, erano però tutte sincronizzate al ritmo del suo cuore anelante a contemplare il volto del Signore. Pregare è anzitutto desiderare il volto del Signore.

E dal concepimento del Figlio, poi dopo la nascita, fu tutta adorazione silenziosa e canto di lode. Ogni attenzione materna era, da parte sua, un’azione liturgica, un sacro rito che preludeva alla liturgia della Chiesa.

A Cana si fece intercessione per la gioia di una festa di nozze.

Come una statua ella rimase ritta ai piedi della croce, figura orante ai piedi di tutte le croci degli uomini, ma grido festivo di gioia dell’anima all’alba della risurrezione.

Maria nel cenacolo della Pentecoste è l’icona della Chiesa orante.

Dunque Maria non ci insegna tanto a pregare, ma piuttosto a lasciarci plasmare dallo Spirito, che ci santifica e ci rende adoratori di Dio, celebratori delle sue misericordie e cantori della sua gloria. La preghiera, infatti, è dono di grazia, è opera di Dio in noi.

Guardando Maria orante, troviamo in lei riflesse tutte le disposizioni necessarie per divenire anche noi preghiera: il silenzio, l’umiltà, l’ascolto, la fede, la costanza, il desiderio di Dio e l’ardore della carità.

Maria ci prende per mano e ci insegna la strada della preghiera e si fa nostra compagna.


O Maria, Vergine umile, Madre tenerissima,
icona splendente della Chiesa orante,
guidaci nel cammino della preghiera,
attiraci là dove l’anima, ignara di sé,
è tutta investita dal fuoco dello Spirito santo!

Amen.

iscriviti alla nostra newsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre attività

Altri articoli online che potrebbero interessarti

In evidenza

Pasqua 2022

Santa Pasqua 2022 Carissimi, I nostri auguri per la santa Pasqua vi raggiungono in un tempo di esodo per tutti. Tanti nostri fratelli e sorelle

La Parola della Domenica

Domenica delle Palme – Anno C

Con la Domenica delle Palme si apre il grande portale della settimana più santa di tutti i tempi, in cui si ricapitola tutto il mistero