Seigneur, entends notre cri Nizza, 29 ottobre 2020

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Venerdì 29 ottobre, nella cattedrale di Nizza, è stato compiuto un atto di violenza immane contro persone che si erano lì recate per pregare.

Ringraziamo P. Adriano Bertero,  frate della nostra provincia, missionario a Nizza, per aver condiviso con noi la sua esperienza.

Signore, ascolta il nostro grido

Anche il cielo e il mare ieri mattina erano grigi color dell’acciaio; e tali sono rimasti per tutta la giornata. Oggi che è ritornato il consueto e deciso sole di ottobre con l’intensissima luce della Costa Azzurra, si stenta a credere che sia davvero successo.

Ieri mattina infatti poco prima delle nove, un cittadino tunisino di 21 anni, giunto in Europa da poche settimana, è entrato nella centralissima Basilique de Notre Dame de Nice, con l’intenzione di uccidere ed è, purtroppo, riuscito nel suo intento. Tre persone (un uomo e due donne) sono state orribilmente colpite e ammazzate (due sul colpo e una dopo poco più di un’ora).

Siamo venuti a sapere dell’accaduto mezz’ora più tardi quando una pattuglia di quattro agenti della polizia municipale ci ha raggiunti avvertendoci di chiudere, prudenzialmente, la nostra chiesa. Abbiamo quindi cominciato a seguire la diretta televisiva su Franceinfo. E rispondere ai moltissimi messaggi e chiamate giunti dagli amici e parrocchiani nizzardi e dai familiari, confratelli e amici dall’Italia.

Molti ci hanno chiesto come stiamo, se abbiamo paura; altri ci hanno raccomandato di stare chiusi in casa (cosa non difficile in quanto da oggi e fino al 1° dicembre è in vigore un nuovo confinemènt), di essere iperprudenti; alcuni ci hanno detto che avrebbero pregato affinché possiamo rientrare al più presto in Italia.

Stiamo bene? Abbiamo paura?  L’assalitore ha deciso di entrare in quella chiesa ma avrebbe potuto scegliere Notre Dame de Cimiez che dista una decina di minuti di bicicletta: avrebbe trovato noi quattro frati con sei laici che alla stessa ora celebravamo le Lodi mattutine.

Stiamo bene? Abbiamo paura? Se penso al modo orribile con cui sono stati uccisi quei cristiani (in Europa è vietato uccidere così perfino i vitelli e gli agnelli al mattatoio…), mentre svolgevano il loro lavoro (Vincent di 54 anni era un sacrestano della basilica), oppure erano raccolti in preghiera (Simone, di anni 44, brasiliana di origine e da 30 anni Nizza ed era mamma di tre bambini) mi si gela il sangue nelle vene.

Stiamo bene? Abbiamo paura? Siamo sbalorditi, certo, ma Nizza già ha conosciuto l’orrore di un attentato ancora più orribile che ha mietuto 86 morti. Siamo sotto shock, ma non impauriti. Siamo arrabbiati e in collera per un gesto così disumano e assurdo, compiuto in un luogo di accoglienza e di pace. Siamo sgomenti ma non senza parole e, soprattutto, senza parole da rivolgere al Cielo.

Confidiamo in Dio Padre, come pure della imponente macchina della sicurezza che, tuttavia era vigile ed è stata pronta ad intervenire per contenere la mattanza e, riteniamo, da ieri ancor più. Una cosa mi sembra però più evidente di altre. Dal 2015 a ieri la Francia ha pagato un tributo di 262 vittime del terrorismo (tra cui un sacerdote cattolico) di quell’”islam” radicalizzato contro cui, anche ieri, numerosi rappresentanti musulmani hanno avuto parole di ferma condanna. In tutto questo, ovvio, non può non contare la storia dell’Esagono (nome familiarmente adoperato dai francesi per chiamare il loro Paese), delle sue colonie, delle sue scelte e posizioni, dell’attuale ruolo nello scacchiere internazionale…; oggi però è necessario un coro di voci che si levino verso il Cielo e chiedano tenacemente con fede e speranza a Dio Padre del Signore Gesù Cristo, di guardare con misericordia a questo Paese bello e potente, ricco e, pure, vulnerabile.

 

Fr. Adriano F. Bertero, ofm

Monastere de Cimiez

Nice

iscriviti alla nostra newsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre attività

Altri articoli online che potrebbero interessarti

In evidenza

Antiquum Ministerium

Il giorno 11 maggio 2021 Papa Francesco ha pubblicato il Motu proprio Antiquum Ministerium, nel quale mette a fuoco la figura del catechista, tanto importante

La Parola della Domenica

Con il cuore nel Cielo

16 maggio 2021 – Solennità dell’Ascensione I cristiani sono nella carne, ma non vivono secondo la carne. Passano la loro vita sulla terra, ma sono cittadini